norway

  • Lyngen Alps – Norvegia

    Terzo anno alle Lyngen e terzo anno di emozioni. Le montagne qui sono più imponenti che non alle Lofoten. Le cime superano i 1000 metri e si può passare da gite più conosciute e classiche a posti più remoti e meno battuti. L’imbarazzo della scelta anche come pendenze, da quelle più plaisir a canali più ripidi. Una penisola selvaggia e proprio per questo unica.

    Quest’anno eravamo con un gruppo speciale, un gruppo di persone che possiamo chiamare amici e che hanno già condiviso con noi parecchie avventure, tra cui il Selvaggio Blu e la Turchia. Una settimana alla ricerca della powder e dei chili dei pasta per rigenerarsi dopo delle giornate ricche di soddisfazione. Saune, divenenti di neve e molto altro 😉

  • Lofoten – Norway

    La nostra prima volta alle Lofoten. Pensavamo che avendo già visto le Lyngen il paesaggio sarebbe stato simile, e invece no. Siamo sempre in Norvegia, sempre sopra al circolo polare artico, ma l’offerta nonché la vista, dei due posti, è completamente diversa.

    Leggi tutto: Lofoten – Norway

    Le Lofoten sono un po’ tipo un “mini golf”. Le cime sono più basse, il mare più vicino. Più acqua che ci circonda, per la conformazione dell’arcipelago. Paesini con case rosse e poco distante strutture di legno dove vengono appesi i merluzzi a seccare. Kanelsnurr e birra norvegese.

    Il campo da calcio di Hennigsvear è da vedere e stupisce tanto quanto le jacuzzi vista fiordo. Quest’anno le condizioni erano più primaverili che invernali, ma ciò non ha diminuito il nostro divertimento. Le Lofoten consentono di sbizzarrirsi con giri ad anello e doppia pellata per arrivare di poco oltre ai 1000m di dislivello giornalieri.

    E quando la sera le energie diminuiscono e si sta bene sul divano delle nostre cabins a scambiare risate e racconti, è li che spunta l’aurora boreale..

    Il resto?? potrete scoprirlo con noi l’anno prossimo 😉

  • Norway | Skittentinden | Chapter 5/5

    Ed è così che è arrivato il momento di lasciare le Lyngen alps, per spostarci a sud di Tromso, a Kvaloya.

    È la seconda volta per Marco e me nelle Lyngen e, se la prima volta era stata bella, questa ha decisamente superato le aspettative. Un insieme di cose, il gruppo, la neve, il panorama, le montagne intonse, il freddo di un inverno che da noi quasi non abbiamo neanche sentito. Insomma, lasciamo Lyngseidet con tanta soddisfazione e tanta voglia di tornarci l’anno prossimo.

    Partiamo con calma, dopo la gita (avventura nel white out) sul Fastdalstinden. Guidiamo per 2h45 sotta una nevicata che non ci ha dato tregua da quando siamo partiti fino all’arrivo. In macchina sono con Gerry e Ali e già fantastichiamo sulla gita di domani. Il meteo da finalmente “sole pieno”, e la nevicata di oggi dovrebbe rendere l’ambiente a dir poco commovente.



    read more
  • Norway | Fastdalstinden | Chapter 4/5

    Dopo 3 gite fuori porta oggi è la volta del Fasdalstinden. Una montagna di 1200 metri sopra Lyngseidet dove i primi 120 metri di dislivello si possono rubare comodamente in macchina, e il team ringrazia.

    Finora i ragazzi sono stati delle vere macchine da guerra. Si, perché oltre a non essere super allenati hanno anche un’attrezzatura che è molto lontana dall’essere light. Tranne Phil sono tutti dotati di uno sci da freeride tra il 100 e il 108 sotto il piede, attacco shift e scarpone da freeride. (Io gli avevo consigliato tutt’altro ;-)) A qualcuno potrebbe prendere un colpo solo all’idea di avere quel materiale in salita.



    read more
  • Norway | Storgalten | Chapter 3/5

    Ogni mattina ci svegliamo verso le 6,30 e la prima cosa che faccio è guardare fuori dalla finestra per vedere che tempo fa. Ieri sera mi sono addormentato guardando YR, che è il sito di riferimento per le previsioni in questa zona. Teoricamente la giornata di oggi sarebbe dovuta essere coperta con possibilità di neve ma guardando il cielo, la giornata sembra essere promettente. È tutto l’inverno che guardo le previsioni meteo sperando che nevichi e qui in Norvegia spero esattamente il contrario. Ahah

    Facciamo un abbondante colazione e lasciamo Lyngseidet verso le 8.15. Oggi ci aspettano circa 1 ora e 20 minuti di strada per arrivare nei pressi di Nordlenangen. Il nostro obbiettivo è lo Storgalten. Un panettone di 1200 metri famoso per il panorama di cui si può godere dalla cima.



    read more
  • Norway | Gillavarri | chapter 2/5

    Dopo una giornata pazzesca sul Tafeltinden il meteo norvegese ha deciso di non essere clemente due giorni di fila e di “offrirci” un giorno di cielo cupo. Se fossimo a casa con queste previsioni probabilmente non ci alzeremmo dal divano, ma qui, in Norvegia, fa figo pure quello, rendendo l’atmosfera a modo suo un po’ mistica. 

    La meta odierna è il Gillavarri. La cosa che che rende la gita a modo suo unica, è il fatto di prendere il traghetto da Lyngseidet a Olderdalen. E ancora di più il fatto di salirci a piedi e poter mettere gli sci letteralmente appena scesi sull’altra sponda. 



    read more
  • Norway | intro/Tafeltinden | chapter 1/5

    Ho conosciuto Steven, Phil, Dave, Gerry e Elliot l’anno scorso. Abbiamo fatto delle uscite di freeride a casa mia, in zona Sauze/Sestriere, di cui una con una breve risalita con le pelli per andare a sciare la Lattea. Dalla Lattea siamo poi finiti ad organizzare una gita in zona monte Bianco, la classica Vallee Blanche. E poi, davanti ad un meritato panino, qualche birra e molto entusiasmo per la settimana appena conclusasi, è nata la mia proposta: l’anno prossimo andiamo a fare scialpinismo in Norvegia.

    Ero consapevole che la loro esperienza con le pelli fosse limitata a solo una brevissima uscita fatta insieme, ma allo stesso tempo ero anche sicuro della determinazione che avrebbero avuto nel preparasi per un potenziale viaggio nel circolo polare artico.



    read more